emdr-fingers-concentrate.jpg

“Le cose si scoprono attraverso i ricordi che se ne hanno ” (Cesare Pavese)

L’Emdr è una tecnica che nel percorso terapeutico viene utilizzata per il trattamento di situazioni traumatiche che riguardano, sia situazioni vissute o accadute come anche aspetti ed esperienze relazionali che hanno lasciato un segno nella memoria. Con tale tecnica di desensibilizzazione attraverso una stimolazione alternata dell’emisfero quello che accade è che si và a riattivare il normale processo di elaborazione che la nostra mente produce ma che, quando percepisce qualcosa di troppo doloroso, blocca e non porta a termine. Questo fa si però che resti impresso nelle memorie dell’individuo e che si possa riattivare in situazioni simili o ad esse collegate. In questo articolo parlerò della mia esperienza clinica come psicoterapeuta sistemica – relazionale che utilizza tale tecnica (emdr) al fine di superare l’ansia in maniera breve ed efficace.

img_156861215

Cosa intendiamo per ansia?

L’ansia è una normale risposta di attivazione dell’organismo ad eventi stressanti e non ha sempre aspetti negativi, in quanto essa è anche adattiva dal momento che ci  prepara a un pericolo potenziale e ci dice che dobbiamo fare attenzione. Il panico è la maggiore espressione del panico. Non  è quindi del tutto negativa e il come viene vissuta dipende dalla capacità di gestione. Inoltre essa assume anche un valore a livello della famiglia e il suo significato varia anche in base alla fase del ciclo di vita.

Come si può utilizzare per il trattamento dell’ansia?

L’emdr offre anche l’occasione di lavorare con la persona nel potenziare le capacità personali e le risorse individuali, per riuscire a superare ed affrontare le sfide della vita quotidiana con maggiore gestione e tranquillità, lasciando da parte l’ansia e non rendendola controllante.
Il lavoro psicoterapeutico prevede la rielaborazione di tutte quelle esperienze angoscianti legate alla storia della persona e che possono essere causa della sintomatologia ansiosa: si lavora dunque sugli eventi precedenti l’ansia e che in qualche modo ad essa sono collegati, ma senza agire direttamente su di essa perché la riduzione avverrà di conseguenza al superamento di difficoltà precedenti.
Si possono installare ( termine tecnico) risorse utili alla persona per superare un evento, situazione, fonte di stress lavorando anche sul futuro e su una situazione immaginaria.

emdr-800.png

Come avviene la psicoterapia?

Successivamente alla presa in carico individuale ci saranno circa 2/3 incontri dedicati alla costruzione delle basi del lavoro, attraverso la storia del problema e la storia familiare in quanto indispensabile per poter risultati duraturi ed efficaci. Inoltre si procederà con installazione di risorse e lavora con emdr su eventi/ situazioni ansiogeni o vissuti personali ad essi collegati.  La cadenza degli incontri nella fase di lavoro intensiva sarà settimanale per poter lavorare in maniera efficace fin da subito.

 

 

Dott.ssa Lisa Sartori _ Psicologa e Psicoterapeuta Sistemico Relazionale e Terapeuta EMDR

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...