“Impara a piacere a te stesso. Quello che pensi tu di te stesso è molto più importante di quello che gli altri pensano di te”Seneca.

gallery-1500545194-gettyimages-548298907.jpg

In questo articolo tratterò il tema del ” volersi bene” in quanto ritengo che esso sia la chiave per mettere in atto comportamenti, pensieri, azioni e relazioni in sintonia con noi stessi e che siano utili per il benessere.

Il volersi bene non è qualcosa che ci viene dato in natura o che siamo fortunati ad avere, ma è qualcosa che si costruisce nel tempo e che spesso dipende anche dalle relazioni familiari che abbiamo esperito e dal contesto nel quale siamo cresciuti. Si pensi a situazioni di derivazione affettiva o di contesti nei quali poco spazio viene dato alla realizzazione personale per incitare una realizzazione  ideale di sé, legata a canoni e miti familiari.

Esso implica l’ascolto verso di sé, il sapere ciò che è più utile per noi o almeno ciò che pensiamo che sia utile per noi in quanto solo la vita, solo l’esperienza, ci aiutano a comprendere chi siamo.  Quando desideriamo stare con una persona dobbiamo essere disposti ad ascoltare e a creare una determinata complicità e questo accade anche con noi stessi, ma spesso sento racconti di persone che scappano da se stessi, che cercano tutti i modi possibili per non incontrarsi.

Nell’articolo mi soffermerò su alcuni passi fondamentali per iniziare a prendersi cura di se stessi e per nutrire del bene verso se stessi, partendo anche con il piede giusto in questo nuovo anno che è iniziato.

  1. Inizia la giornata ricordando a te stesso le tue risorse, i tuoi punti di forza: questo ti aiuterà ad iniziare la giornata con il piede giusto, perché il come noi pensiamo determina anche come noi osserviamo e leggiamo gli eventi e le persone.
  2. Inizia a capirti e ad ascoltarti: spesso è più facile ascoltare gli altri, esserci per gli altri ma ci perdiamo una parte importante, ovvero noi stessi. Qual è la prima cosa che fai quando inizi a conoscere una persona? Fare domande e incuriosirti verso di essa. Ecco così dovrebbe essere anche per noi stessi.
  3. Dai il giusto valore al tuo tempo: nel mondo frenetico spesso ci dimentichiamo di noi stessi e quindi iniziare a non fare le cose solo perché si deve farle, ma anche perché si desidera farle cambia la percezione di noi stessi e delle nostre giornate.
  4. Approfitta dei momenti in cui ti senti solo o sei solo :questo ti consentirà  di ascoltarti e poter capire cosa fa la differenza nella tua vita. E’ difficile trovare il tempo per sè in un mondo nel quale si è sempre connessi quindi  prova a rilassarti e a fare una respirazione profonda, a fare una passeggiata o qualche cosa che hai tralasicato ìn questi anni e che ti piaceva fare.
  5. Cerca di vivere con serenità i tuoi errori: essi possono diventare uno spunto di crescita e di riflessioni, ovviamente per fare ciò è importante allenarsi a gestire il senso di colpa, che spesso arriva non solo da cose che potevi fare meglio e sopratutto pensavi di fare meglio, ma da messaggi arrivati in maniera implicita nelle relazioni che hai vissuto in passato e da come le hai vissuto.

Questi sono solo alcuni spunti dai quali puoi partire per migliorare ed iniziare ad imparare a volerti bene, infatti esso è una sorta di allenamento mentale e di pensiero. Il volersi bene passa per la consapevolezza di sè e di conseguenza è importante essere in grado di riconoscere quando poter chiedere aiuto per poter costruire un futuro migliore.

Dott.ssa Lisa Sartori _ Psicologa e Psicoterapeuta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...