Il patto di coppia.

 La vicissitudine del legame di coppia è la  vicissitudine della confluenza tra i due patti che incontrandosi danno luogo a forme specifiche di relazioni di coppia (Vittorio Cigoli).

Terapia-di-coppia-gli-amanti-di-Magritte-300x221Nella creazione di una coppia i rispettivi partner attribuiscono un certo valore a tale legame, nel quale aspettative, bisogni, desideri, miti familiari trovano la loro massima espressione.  A prescindere dalla natura “sociale” del legame (convivenza o matrimonio), la relazione si fonda su un patto fiduciario tra le due persone in cui si dà risalto all’intimità tra i partner. Per intimità si intende la capacità di ciascuno dei partner di manifestare all’altro ciò che prova, pensa e sente, aspettandosi di ricevere empatia, comprensione, condivisione e sostegno. La costruzione del patto fiduciario (o patto coniugale) genera, sviluppa e organizza la relazione.

Esso si forma:

• Attraverso la costruzione della realtà condivisa (vivere insieme significa condividere il tempo, le emozioni, le esperienze, la gioia, i dolori e le incomprensioni fisiologiche con un approccio dinamico ed empatico);

• Mediante un sistema di credenze condiviso (le credenze quali informazioni coscienti ed inconsce che abbiamo accettato per vere, che formano la struttura della nostra personalità e costituiscono la base del nostro comportamento e della nostra etica);

• Con una costante coscienza della realtà e la pianificazione del futuro (il progetto di vita insieme).

Si può affermare che la salute/malattia della relazione coniugale è data dalla prossimità tra patto dichiarato e patto segreto.

Il patto dichiarato può essere:

• fragile: se è povero di impegno;

• formale: se si basa sulle regole e su una rigida contrattualità. (molto diffuso nelle altre epoche storiche);

• assunto: se interiorizzato adeguatamente da un punto di vista cognitivo e affettivo.

img_2206

Il patto segreto è il contratto segreto che comprende i bisogni, gli ideali, le aspettative che ciascuno dei due partner porta dalla sua storia personale e familiare e che ciascuno ambisce a soddisfare nella relazione coniugale. Può essere:

• impraticabile: quando i bisogni che i due partner sperano di soddisfare reciprocamente vengono sistematicamente disattesi;

• rigido: quando i partner non sono in grado di rilanciare il patto, cioè di fare il passaggio da “sposo in te questo”a “sposo in te quest’altro”. Perciò, esaurita la soddisfazione di quella particolare forma di incastro tra bisogni, il legame viene meno;

• praticabile: se i partner sono in grado di soddisfare i bisogni affettivi reciproci in modo flessibile, cioè il patto può essere rilanciato e riformulato secondo il mutamento dei bisogni e delle attese delle persone lungo il corso della vita.

Attraverso la conoscenza delle storie personali e familiari dei partner è possibile  estrapolare l’incastro di coppia, ossia capire perché ciascun partner è funzionale all’altro, perché l’ha scelto, quali erano le illusioni, i desideri e cosa sceglierebbe ora, cosa non ha funzionato, cosa è mancato, di cosa avrebbe bisogno adesso e dunque dove si sono incistate le delusioni attuali.

A seconda della confluenza, la coppia sarà più o meno in grado di superare gli eventi critici che si presenteranno nel corso del ciclo vitale di tutte le coppie. Il modo in cui la coppia riuscirà ad affrontare tali eventi, dipenderà proprio dalla confluenza tra patto dichiarato e patto implicito.

È importante una riflessione reciproca su tale patto rendendo esplicito il patto segreto consentendo al partner di poter accettare consapevolmente la relazione, essendo essa in costante mutamento per le fasi che la coppia attraversa nella vita.

 

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. lopsicotaccuino ha detto:

    Articolo molto utile, mi ha fatto davvero riflettere! Grazie!

    Mi piace

  2. edoardoballanti ha detto:

    Articolo davvero utile, fornisce una griglia interpretativa attraverso cui poter leggere tanti fenomeni della coppia. Grazie!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...